Lavoro Agile Incentivi

Il Lavoro Agile aumenta conciliazione e potere d’acquisto


L’iter legislativo del Ddl Lavoro agile prosegue e cresce sempre più il dibattito intorno a questa nuova modalità di lavoro. Le ragioni che possono stimolare le aziende ad implementare il lavoro agile sono molteplici. In questo senso abbiamo parlato più volte dei vantaggi concreti che il lavoro agile ha comportato per le aziende, per i dipendenti e per l’ambiente nei sei mesi di sperimentazione delle rete Smart Companies di Bergamo.

 

In questa occasione vogliamo sviluppare un focus sui vantaggi fiscali ottenibili tramite il lavoro agile.

Come ben noto la Legge di stabilità per il 2016 (L. 208/2015) ha reintrodotto e reso strutturale il regime di tassazione agevolata (Irpef pari al 10%) per i premi di risultato la cui corresponsione sia legata ad incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione, che siano misurabili e verificabili. 

Il decreto interministeriale pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 16 maggio 2016  nel definire e completare la nuova regolamentazione dei premi di risultato, onde evitare abusi e per dare una traccia operativa alle azienda, ha stabilito che per premio di produzione si intendono le somme di ammontare variabile la cui corresponsione sia legata anche al miglioramento della qualità dei prodotti e dei processi anche attraverso la riorganizzazione dell’orario di lavoro non straordinario o il ricorso al lavoro agile.

A conferma di quanto appena detto, nella dichiarazione di conformità (Allegato 1 del Decreto interministeriale di cui sopra) che deve essere obbligatoriamente compilata e depositata con il contratto di II livello, tra i 19 indicatori ai quali si può ricorrere per stabilire l’eventuale ottenimento del premio il  Legislatore ha inserito anche il lavoro agile.

Il dipendente può vedere aumentare il suo potere d’acquisto

 

A normativa vigente dunque i lavoratori e le lavoratrici che utilizzano il lavoro agile non solo possono ottenere una migliore conciliazione della vita lavorativa con la vita privata, ma potrebbero beneficiare anche di un vantaggio fiscale direttamente tangibile nel cedolino paga che andrebbe ad aumentare il loro guadagno netto e dunque il loro potere d’acquisto.

Va certamente sottolineato come per ottenere il vantaggio fiscale per il lavoro agile sia necessario rispettare quanto previsto dalla Legge di stabilità sui Premi di risultato e dal Decreto interministeriale.

 

Scrivi commento

Commenti: 0