Smart Working nella Pubblica Amministrazione

Smart Working nella Pubblica Amministrazione: Comune di Genova


smart working pubblica amministrazione

Flessibilità e smart working nella pubblica amministrazione: al Comune di Genova si sta sperimentando un percorso in questa direzione.

Il tema della flessibilità degli orari e della possibilità di introdurre forme di lavoro agile (quindi anche a distanza) è particolarmente sentito in una organizzazione composta da molte persone con esigenze di conciliazione vita-lavoro, legate soprattutto alla necessità (e relativa difficoltà) di spostamenti casa-lavoro anche lunghi.

Il primo obiettivo che il Comune di Genova si è posto è stata la partecipazione alla giornata del lavoro agile promossa da Milano.
Obiettivo raggiunto: hanno infatti aderito alla giornata del 25 Marzo, su base volontaria, 85 persone di 19 strutture organizzative diverse.

Variazioni ha realizzato un programma formativo, a sostegno dei direttori e dei dirigenti che avrebbero poi potuto promuovere all’interno dell’organizzazione l’adozione dello Smart Working. 

Il programma, iniziato a febbraio, ha visto progressivamente allargarsi la partecipazione. Sono state realizzate 4 giornate formative, che si sono concentrate sui requisiti manageriali dei ruoli strategici, sull’adeguatezza di una cultura organizzativa in grado di sostenere tale innovazione, e poi sugli aspetti innovativi di questo strumento organizzativo capace di promuovere un cambiamento virtuoso.

Come ogni cambiamento, può spaventare: le difficoltà di coinvolgimento non sono mancate, così come le legittime resistenze in alcuni casi anche dovute alla complessità del quadro contrattuale nella Pubblica Amministrazione.

Il tema della flessibilità nella PA è infatti molto complesso, poiché si iscrive in un quadro di regole e procedure particolarmente rigide.
La numerosità dei settori, anche molto differenti tra loro come inquadramento orario e contrattuale, e la necessità di garantire servizi alla cittadinanza e quindi l’impossibilità di flessibilizzare gli orari di lavoro, sonoalcuni degli elementi che i partecipanti e Variazioni hanno messo a fuoco 

Il percorso formativo “Work-Life Balance e Smart Working: percorso di sviluppo delle competenze manageriali con focus su delega e fiducia” si è svolto in due moduli.

L’obiettivo del primo modulo, dedicato alle competenze manageriali smart, è stato quello di contestualizzare i temi work life balance e smart working, e mettere i partecipanti nelle condizioni di rileggere il proprio ruolo alla luce di questi nuovi paradigmi.

Il tema della delega e della fiducia sono assetti fondamentali delle competenze manageriali delle figure di responsabilità nell’ente pubblico.

Il secondo modulo si è svolto dopo la giornata del lavoro agile e si è posto l’obiettivo, attraverso la condivisione degli impatti della Giornata, di creare un’occasione di formazione e confronto sui temi collaterali all’introduzione di misure di flessibilità lavorativa. 

Si è parlato quindi di orientamento al “lavoro per obiettivi”, di elementi di cultura organizzativa, di managerialità del ruolo , del modello di leadership adeguato a modalità di lavoro smart e di tutti gli strumenti a disposizione. 

Nel complesso, gli Smart Training presso il Comune di Genova hanno coinvolto quasi 50 persone, con una erogazione complessiva di 28 ore di formazione.  

E già si riflette sui prossimi passi.

 

Scrivi commento

Commenti: 0