· 

Comunicazione obbligatoria accordo di Smart Working: un potenziale cortocircuito amministrativo?

Dal 15 novembre scorso è possibile effettuare la procedura di invio delle comunicazioni obbligatorie degli accordi di smart working sul portale del Ministero del lavoro. I campi del format, che va compilato per ogni smart worker (è prevista anche una procedura di invio massivo), sono pochi e non vanno ad intaccare l’agilità della norma.

Nonostante ciò, a nostro avviso, vi è una complicazione amministrativa importante: alla comunicazione va allegato l’accordo di Smart Working in formato pdf. Si comprende facilmente quanto, per aziende con centinaia o migliaia di smart worker, questo rappresenti un potenziale problema.

Dopo una Legge a maglie larghe e una circolare INAIL ottimale, ci auguriamo che ciò non costituisca per le aziende un deterrente all’avvio o regolarizzazione di tale modalità di lavoro.

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Eleonora (martedì, 28 novembre 2017 09:21)

    Ma l'accordo smart working da allegare è per ogni singolo dipendente?

  • #2

    Team Variazioni (lunedì, 04 dicembre 2017 18:42)

    Buonasera Eleonora, si, le istruzioni operative del Ministero del Lavoro prevedono l'invio di tutti gli accordi di smart working