Smart Companies: riparte il percorso delle aziende più Smart del territorio bergamasco

Grazie ad un bando emanato dall’ATS di Bergamo e a finanziamenti erogati da Regione Lombardia in materia di Conciliazione vita e lavoro, nel 2014 le aziende ABB, Banco BMP, UBI Banca, Volvo Group Italia, Italcementi, con il Comune di Val Brembilla come capofila e Variazioni come partner tecnico, hanno sperimentato un percorso di adozione dello Smart Working che ha coinvolto ad oggi oltre 1000 lavoratori/trici agili.

 

"Lo Smart Working ha per noi una rilevanza nazionale, trovando maggiore applicazione nei territori dove la nostra presenza è più diffusa e gli spostamenti casa-lavoro sono più onerosi per le persone. Per noi è uno strumento di conciliazione tra lavoro e vita privata e, allo stesso tempo, di innovazione culturale e organizzativa, che favorisce la delega, la responsabilizzazione ed il lavoro per obiettivi.

L'esperienza Smart Companies dell’area bergamasca per noi è fondamentale: nasce per confrontarsi con altre importanti realtà del territorio, anche di settori diversi, condividere idee e progetti e sviluppare innovazione continua, per migliorare il livello di coinvolgimento dei nostri collaboratori e la soddisfazione dei nostri clienti."

Leonardo Orlando

Responsabile Politiche di Sviluppo e Sistemi Retributivi di UBI Banca

 

Il fatto che lo Smart Working aiuti le persone a lavorare meglio è stato dimostrato dai dati della ricerca presentata per la prima volta a fine 2015 ma che ha confermato le tendenze anche negli anni successivi: ogni smart worker risparmia in media 60 km al giorno, 90 minuti vengono tolti al traffico e reinvestiti in interessi personali. Anche il territorio bergamasco ne ha beneficiato grazie ad un decongestionamento del traffico e alla notevole riduzione delle emissioni di CO2.

Le Smart Companies hanno inoltre presentato le proprie osservazioni al DDL sul Lavoro Agile, divenuto in maggio 2017 legge (L.n. 81/2017).

 

La compagine delle Organizzazioni Smart ha deciso, per l’occasione, di ampliare la rete degli aderenti al progetto: oltre al Comune di Bergamo, new entry del progetto dello scorso biennio, si sono aggregate l’azienda San Pellegrino e altre tre pubbliche amministrazioni locali (Comune di Dalmine, Comune di Treviolo, Comune di Ponteranica) a conferma del fatto che lavorare in modo flessibile ed efficiente può portare vantaggi anche nell’ambito pubblico non solo in termini di conciliazione vita-lavoro ma anche in termini di qualità dei servizi erogati al cittadino.

 

“In ABB Italia ad oggi oltre la metà della popolazione che ha i requisiti per accedere allo Smart Working ne usufruisce: non si tratta più di una sperimentazione ma di un’esperienza ormai consolidata che fa parte della nostra cultura.

L’esperimento è stato vincente rispetto a uno degli obiettivi che aveva fin dal suo lancio: attivare dei meccanismi di responsabilizzazione del dipendente che fanno leva sugli elementi fondamentali della fiducia, della capacità di gestione del proprio tempo e di lavoro per obiettivi. Tutti questi elementi sono collegati con il cambiamento culturale che ha portato al lavoro agile in ABB e ricorrono nell’organizzazione del lavoro, degli spazi e all’interno dei nostri percorsi formativi. L’adozione del modello dello Smart Working è infine indispensabile per renderci più attrattivi sul mercato del lavoro e ha delle ricadute positive sui territori su cui insistiamo.”

Alessio Radice

Country HR Manager ABB Italia

 

I lavori, grazie al supporto delle risorse dell'ATS locale prevedono l’organizzazione di work-shop di approfondimento per tutte le PMI che vogliono sapere come si fa lo Smart Working in pratica; il coinvolgimento dei Comuni della provincia attivando posizioni di Smart Working tra le fila della PA; e infine la sfida forse più grande, il tentativo di portare le logiche smart della flessibilità e del benessere delle persone anche in contesti produttivi e operations, come hanno dimostrato di poter fare già altre aziende sul territorio nazionale. Il tutto verrà sperimentato con una attenzione particolare alla misurazione dei risultati.

 

Bergamo è sempre più smart: dallo Smart Working alla Smart Production, un altro anno di sperimentazioni con le Smart Companies è iniziato.

Scrivi commento

Commenti: 0